Go Back  PPRuNe Forums > PPRuNe Worldwide > Italian Forum
Reload this Page >

Incidente Ethiopian ET302 B737 MAX 8

Incidente Ethiopian ET302 B737 MAX 8

Old 11th Mar 2019, 07:30
  #1 (permalink)  
Thread Starter
 
Join Date: Feb 2015
Location: Back in the green
Posts: 684
Incidente Ethiopian ET302 B737 MAX 8

https://edition.cnn.com/2019/03/10/i...ash/index.html

purtoppo un altro Max cade .
l’nchiesta ora dovrà dare risposte precise e veloci.
Condoglianze alle famiglie
Ramones is offline  
Old 11th Mar 2019, 09:26
  #2 (permalink)  
 
Join Date: Jul 2015
Location: on a rugby pitch
Posts: 475
Originally Posted by Ramones View Post
https://edition.cnn.com/2019/03/10/i...ash/index.html

purtoppo un altro Max cade .
l’nchiesta ora dovrà dare risposte precise e veloci.
Condoglianze alle famiglie
Etiopia e Cina li hanno messi a terra.
Qualcosa evidentemente non quadra.
Raski is offline  
Old 11th Mar 2019, 11:53
  #3 (permalink)  
 
Join Date: Apr 2006
Location: Calvert LIML
Posts: 66
Originally Posted by Raski View Post


Etiopia e Cina li hanno messi a terra.
Qualcosa evidentemente non quadra.
beh direi... MCAS?
giano is offline  
Old 11th Mar 2019, 12:15
  #4 (permalink)  
Thread Starter
 
Join Date: Feb 2015
Location: Back in the green
Posts: 684
Originally Posted by giano View Post
beh direi... MCAS?
può essere però azz possibile che se stacchi tutto e vai a mano non si riesca a recuperare?*
C’e’ qualcosa che non mi torna ,essendo un Boeing Man mi suona strano*
Ramones is offline  
Old 11th Mar 2019, 13:17
  #5 (permalink)  
 
Join Date: Sep 2007
Location: BLQ
Posts: 1,066
Mi sembra che quella Cinese sia più che altro una mossa politica.
A rottami ancora fumanti, senza avere ancora alcuna informazione o prova conclusiva su quanto possa essere accaduto, la messa a terra del modello mi sembra quanto meno esagerata ...
EI-PAUL is offline  
Old 11th Mar 2019, 14:39
  #6 (permalink)  
 
Join Date: Jul 2015
Location: on a rugby pitch
Posts: 475
Originally Posted by EI-PAUL View Post
Mi sembra che quella Cinese sia più che altro una mossa politica.
A rottami ancora fumanti, senza avere ancora alcuna informazione o prova conclusiva su quanto possa essere accaduto, la messa a terra del modello mi sembra quanto meno esagerata ...

politica magari ma anche una mazzata sui cosiddetti visto il numero di 73 che hanno in ordine/volanti.
Raski is offline  
Old 11th Mar 2019, 22:17
  #7 (permalink)  
 
Join Date: Sep 2006
Location: Required field missing
Posts: 464
Secondo me ha un suo perché la messa a terra (oltre al fattore politico che di sicuro sarà anche presente). Quell'aereo non ha avuto un incidente, ma si è infilato nella terra come un meteorite. Non ne è rimasto nulla. In quelle condizioni di volo, è veramente strano. Se poi si aggiunge il crash del Lion Air... a pensar male si fa peccato, ma... Io un po' di prudenza, fossi uno di questi enti, la adotterei per capirci meglio. Better safe than sorry
TheWrightBrother&Son is offline  
Old 12th Mar 2019, 09:10
  #8 (permalink)  
Thread Starter
 
Join Date: Feb 2015
Location: Back in the green
Posts: 684
Originally Posted by TheWrightBrother&Son View Post
Secondo me ha un suo perché la messa a terra (oltre al fattore politico che di sicuro sarà anche presente). Quell'aereo non ha avuto un incidente, ma si è infilato nella terra come un meteorite. Non ne è rimasto nulla. In quelle condizioni di volo, è veramente strano. Se poi si aggiunge il crash del Lion Air... a pensar male si fa peccato, ma... Io un po' di prudenza, fossi uno di questi enti, la adotterei per capirci meglio. Better safe than sorry
tutto può essere ma senza dati reali ( non quelli di FR24) è fuorviante fare ipotesi .
sul caso Lion per esempio , ma con il senno di poi è facilissimo parlare , se hai un trim che ti fa ‘ picchiare l aereo , c’è un memory item da applicare che avrebbe fermato il tutto . Facile da dire seduti in poltrona con un rum e un Montecristo.
pero’ per questo incidente ancora non abbiamo nulla quindi .....
Ramones is offline  
Old 12th Mar 2019, 09:38
  #9 (permalink)  
 
Join Date: Sep 2007
Location: BLQ
Posts: 1,066
Sul fatto che sia meglio stare sul better safe than sorry non c’è dubbio. Quello che mi ha lasciato un po’ perplesso è che prima ancora che fossero trovate le “scatole nere” alcuni stati avevano già deciso il blocco, e guarda caso più o meno tutti appartenenti allo stesso “blocco”, quasi se come non vedessero l’ora; è solo una mia impressione, magari tra qualche giorno, quando ci saranno più dati su cui ragionare anche FAA ed EASA faranno lo stesso.
Io non conoscendo per nulla la
macchina non mi sino fatto alcuna idea. Nel frattempo chiedo ai Boeing driver: è vero che il sistema MCAS non viene descritto sull’FCOM della macchina come si legge in alcuni articoli in-line?
EI-PAUL is offline  
Old 12th Mar 2019, 10:59
  #10 (permalink)  
 
Join Date: Mar 2010
Location: in a dirty cockpit
Posts: 418
Originally Posted by I-FORD View Post
Una disanima storica e tecnica interessante sui comandi di volo del B737. Lo spunto è preso dall’incidente Lionair ma viene analizzato quello della Turkish ad AMS.*L’unico punto in comune è che in entrambi i casi l’equipaggio non è riuscito a gestire correttamente l’impianto di pitch trim.*Il fatto che neanche la*commissione*di inchiesta a seguito dell’incidente fosse*bene a conoscenza del funzionamento*impianti fondamentali come i comandi di volo del velivolo incidentato fa pensare. https://www.satcom.guru/2018/11/stabilizer-trim.html
L'incidente del Turkish non c'entra nulla con avarie al sistema dello Stabilizer Trim. Il Radio altimetro del CPT ha sbarellato e l'aereo in APP MODE ha "pensato" di essere in Flare Mode, così le manette sono andate in IDLE ma con l'aereo che seguiva il G/S, quindi aumentava l'assetto e ovviamente la velocità è scaduta. Il FO ha reagito subito ma non ha sganciato la A/T, il CPT ha preso i controlli interrompendo il F/O e le manette già avanzate dal F/O sono tornate in IDLE. Non c'è stato buon CRM e Monitoring della Speed e del comportamento dell'aereo. Essendo a bassa quota non hanno più avuto tempo di recuperare.
Breakthesilence is offline  
Old 12th Mar 2019, 11:27
  #11 (permalink)  
 
Join Date: Sep 2006
Location: Required field missing
Posts: 464
Premesso che non c'è un giusto o sbagliato allo stato attuale, ma solo un ventaglio di opinioni, mi sono fermato a riflettere sui vostri punti di vista (di far continuare a volare il Max), ma rimango della mia, pronto come sempre a ricredermi in caso.
Per la questione politica è vero, e concordo, ma voglio farvi riflettere sul fatto che tale carta si applica in ambo i lati. La Boeing ha fatto un tonfo gigante in borsa pur con la dichiarazione che l'aereo, allo stato attuale, è ancora ritenuto safe, il che è lo scenario migliore. Quante pressioni in questa direzione?
Per la questione dati, a me onestamente basta vedere le immagini del buco lasciato, a mio parere ci sono veramente pochi scenari che danno un esito così, e lo stallo non è uno di questi. Serve molta più energia che non un aereo che cada modello foglia morta.
Io ritengo che per questo incidente non è vero che non si abbia ancora nulla: abbiamo invece un (forte?) sospetto, e questo per me dovrebbe essere sufficiente a percorrere la via della cautela, ossia la messa a terra. Un sospetto è qualcosa, non è nulla.
Ora io concordo con il fatto che ciò, anche per noi piloti, abbia delle gravi conseguenze, sopratutto per chi con il Max ci lavora. Ma vi pongo la questione con due interrogativi: in un mondo dove il fattore profitto aziendale non esiste, e quindi escludendo questa motivazione, non sarebbe ovvio fermare il tutto per il tempo necessario ad accertare per lo meno che la causa non sia ancora dovuta ad un sistema progettato male? Non è forse questo il caso più sicuro? Il caso da Safety first che non è di sole parole? E non è forse questo il caso più sicuro per noi tutti? Cosa succederebbe se... E nemmeno continuoi, lascio a voi riempire i puntini.
E la seconda domanda che vi pongo, e che alla fine bene o male rappresenta un po' quello di cui si parla: ma voi domani mattina fareste volare i vostri figli sul Max, da soli, come passeggeri? Ad ognuno la propria risposta, che infatti rimane individuale, senza un giusto o sbagliato (ancore), come sottolineavo all'inizio. Ma io, per me, vi dico che no, non ce li metterei, fino a che per lo meno mi convincono che non sia il trim
TheWrightBrother&Son is offline  
Old 12th Mar 2019, 11:52
  #12 (permalink)  
 
Join Date: Mar 2008
Location: SS
Posts: 471
Originally Posted by Ramones View Post
Facile da dire seduti in poltrona con un rum e un Montecristo.
Preferisco un soff....to di una giovane ragazza dell'est Europa, Ramones questioni di priorità e gusti (forse ti sei "consumato troppo" e rispetto il riposo del VERO GUERRIERO oltre la cortina nemica).
Meglio un sacro silenzio in attesa delle analisi e ricerca del motivo da parte della NTSB e Boeing invece di vedere piloti in prima linea di varie squadre sindacali rilasciare delle dichiarazioni al quanto inutili ai giornali che "pasturano la paura".
45ACP is offline  
Old 12th Mar 2019, 12:14
  #13 (permalink)  
 
Join Date: Mar 2012
Location: Having a margarita on the beach
Age: 99
Posts: 999
Originally Posted by TheWrightBrother&Son View Post
E la seconda domanda che vi pongo, e che alla fine bene o male rappresenta un po' quello di cui si parla: ma voi domani mattina fareste volare i vostri figli sul Max, da soli, come passeggeri? Ad ognuno la propria risposta, che infatti rimane individuale, senza un giusto o sbagliato (ancore), come sottolineavo all'inizio. Ma io, per me, vi dico che no, non ce li metterei, fino a che per lo meno mi convincono che non sia il trim
Non credo si possa rispondere ad una domanda del genere perché non abbiamo abbastanza dettagli su quanto successo e se, in caso di avaria, l'equipaggio abbia reagito in modo appropriato. Io credo che la chiave sia proprio su quest'ultimo aspetto. Sul forum internazionale mi sono spesso confrontato sulle tematiche dell'effetto sorpresa e startle effect, e di come, ad oggi, la preparazione degli equipaggi a problematiche che sviluppano rapidamente un alto carico di lavoro tramite l'ausilio dei simulatori sia poco efficace. Presso alcuni operatori con i quali ho collaborato abbiamo condotto degli "esperimenti" nei quali si chiamavano piloti di riserva a fare una sessione di simulatore di cui non sapevano nulla, come se fossero stati chiamati per un volo all'ultimo minuto. L'unica cosa che gli è stata detta era che questi simulatori sarebbero stati assolutamente "non jeopardy" e quindi di stare tranquilli ai fini della loro proefficiency (anche se quest'ultimo aspetto aveva un impatto significativo sul realismo). I simulatori erano ovviamente con altissimo carico di lavoro e si basavano su scenari "survival training" (molti di voi li staranno sperimentando in ambito EASA) ed ovviamente gli outcome, nella maggiorparte dei casi, erano piuttosto catastrofici. Questa iniziativa ha diversi scopi, uno di questi è quello di dimostrare come ad oggi, purtroppo, l'utilizzo dei FFS con largo preavviso sia un ottimo strumento solo ai fini procedurali ma decisamente scarso per quanto concerne il fattore sorpresa ed il doversi adattare alle condizioni che vengono presentate sul momento, cosa che succede invece ad ogni volo. Già solo il fatto di andare al simulatore ci porta ad affrontare la cosa con un mindset diverso, anche non conoscendo nulla dello scenario proposto (cosa che alla fine oggigiorno tra gruppi whatsapp e altro è praticamente impossibile).
sonicbum is offline  
Old 12th Mar 2019, 12:22
  #14 (permalink)  
 
Join Date: Dec 2006
Location: Between CJ610-8As turbojet
Posts: 4,950
Ma il fatto che Boeing annunci dell’aggiornamento al software di volo, non suona un pò come l’ammissione di qualche colpa?
mau mau is offline  
Old 12th Mar 2019, 12:26
  #15 (permalink)  
 
Join Date: Sep 2006
Location: Required field missing
Posts: 464
Sui simulatori, Sonic, con me sfondi una porta aperta. Senza aver fatto i tuoi esperimenti (mi piacerebbe aver potuto assistervi), condivido ogni parola.
Per quanto riguarda la mia domanda, rimane tale, con risposte solo possibili su piano individuale. Ricordo che questo è il secondo che cade in modalità missilistica, statisticamente la probabilità di poter poi concludere il tutto con: 'ma va che va alla grande! Sono solo i soliti cazzari di piloti' inizia ad essere ristretta in sotto nucleo.
Inoltre ricordo (prego, correggetemi se sono in errore) che il MCAS non lo si conosceva prima del Lion Air. Non mi sembra un atteggiamento molto carino da parte di Boeing
TheWrightBrother&Son is offline  
Old 12th Mar 2019, 12:55
  #16 (permalink)  
 
Join Date: Sep 2007
Location: BLQ
Posts: 1,066
Originally Posted by TheWrightBrother&Son View Post
Inoltre ricordo (prego, correggetemi se sono in errore) che il MCAS non lo si conosceva prima del Lion Air. Non mi sembra un atteggiamento molto carino da parte di Boeing
Qukndi è effettivamente vero che nulla era riportato sull’FCOM della macchina a riguardo?
EI-PAUL is offline  
Old 12th Mar 2019, 13:08
  #17 (permalink)  
 
Join Date: Mar 2008
Location: SS
Posts: 471
Originally Posted by EI-PAUL View Post
Qukndi è effettivamente vero che nulla era riportato sull’FCOM della macchina a riguardo?
Ai miei tempi su Boeing manco esisteva MCAS, ma già esisteva la mia passione e non ero l'unico...
45ACP is offline  
Old 12th Mar 2019, 13:13
  #18 (permalink)  
 
Join Date: Sep 2007
Location: BLQ
Posts: 1,066
Sono sostanzialmente d’accordo coi punti di vista di Sonic e TWB&S, aggiungo però un ulteriore punto di vista; il SIM, per come è concepito nella maggior parte delle Compagnie con struttura training deps più complesse è certamente poco proficuo per quel che riguarda un’adeguata simulazione dello startle effect e delle sue conseguenze, questo a causa del fatto che gli scenari sono grosso modo conosciuti dalla maggioranza dei piloti, che di conseguenza hanno tempo per prepararli.
Guardiamo però anche il bicchiere mezzo pieno: questa preparazione consente di costruire una certa impalcatura di esperienza e conoscenza a livello skills, rule e knowledge based che sarebbe impensabile ottenere “sul momento”, soprattutto in presenza di scenari catastrofici complessi ed in cui si ha pochissimo tempo a disposizione, serve quindi una conoscenza a livello knowledge immediata da applicare senza perdere tempo. Mi sembra uno scenario del tutto plausibile con quanto accaduto nel caso del Lion Air e potrebbe esserlo anche nel caso di Ethoopian, ma forse è ancora troppo presto per dirlo.
Just my 2 cents, come la solito.
EI-PAUL is offline  
Old 12th Mar 2019, 13:26
  #19 (permalink)  
 
Join Date: Mar 2012
Location: Having a margarita on the beach
Age: 99
Posts: 999
Originally Posted by TheWrightBrother&Son View Post
Sui simulatori, Sonic, con me sfondi una porta aperta. Senza aver fatto i tuoi esperimenti (mi piacerebbe aver potuto assistervi), condivido ogni parola.
Da quanto ho capito lavori per Ryanair. Potresti provare a proporgli questi esperimenti che generalmente vengono eseguiti o con esaminatori inviati dalla casa madre (Boeing o Airbus) per le realtà più piccole o direttamente "in house" per operatori grandi come siete voi o Easy ad esempio. Il tutto sta ovviamente nella questione $$$ nel vedere se gli interessa o se la considerano una spesa inutile come spesso purtroppo accade.*

Originally Posted by TheWrightBrother&Son View Post
Per quanto riguarda la mia domanda, rimane tale, con risposte solo possibili su piano individuale. Ricordo che questo è il secondo che cade in modalità missilistica, statisticamente la probabilità di poter poi concludere il tutto con: 'ma va che va alla grande! Sono solo i soliti cazzari di piloti' inizia ad essere ristretta in sotto nucleo.
Inoltre ricordo (prego, correggetemi se sono in errore) che il MCAS non lo si conosceva prima del Lion Air. Non mi sembra un atteggiamento molto carino da parte di Boeing
Concordo, Boeing dovrà sicuramente affrontare la cosa in maniera diretta ed esaustiva una volta per tutte.*

*
sonicbum is offline  
Old 12th Mar 2019, 13:29
  #20 (permalink)  
 
Join Date: Mar 2012
Location: Having a margarita on the beach
Age: 99
Posts: 999
Originally Posted by EI-PAUL View Post
Sono sostanzialmente d’accordo coi punti di vista di Sonic e TWB&S, aggiungo però un ulteriore punto di vista; il SIM, per come è concepito nella maggior parte delle Compagnie con struttura training deps più complesse è certamente poco proficuo per quel che riguarda un’adeguata simulazione dello startle effect e delle sue conseguenze, questo a causa del fatto che gli scenari sono grosso modo conosciuti dalla maggioranza dei piloti, che di conseguenza hanno tempo per prepararli.
Guardiamo però anche il bicchiere mezzo pieno: questa preparazione consente di costruire una certa impalcatura di esperienza e conoscenza a livello skills, rule e knowledge based che sarebbe impensabile ottenere “sul momento”, soprattutto in presenza di scenari catastrofici complessi ed in cui si ha pochissimo tempo a disposizione, serve quindi una conoscenza a livello knowledge immediata da applicare senza perdere tempo. Mi sembra uno scenario del tutto plausibile con quanto accaduto nel caso del Lion Air e potrebbe esserlo anche nel caso di Ethoopian, ma forse è ancora troppo presto per dirlo.
Just my 2 cents, come la solito.
Assolutamente d'accordo, l'immenso valore di APT e FFS è fuori discussione. Credo solo che oggigiorno dobbiamo pensare ad ottimizzare tutte le importanti risorse di cui disponiamo al fine di poterle sfruttare sempre nel modo migliore, anche se a volte in EASA mi sembra che sia una bella lotta.
sonicbum is offline  

Thread Tools
Search this Thread

Contact Us Archive Advertising Cookie Policy Privacy Statement Terms of Service

Copyright © 2018 MH Sub I, LLC dba Internet Brands. All rights reserved. Use of this site indicates your consent to the Terms of Use.