Go Back  PPRuNe Forums > PPRuNe Worldwide > Italian Forum
Reload this Page >

Thread Alitalia CAI

Thread Alitalia CAI

Old 19th Sep 2015, 13:39
  #1401 (permalink)  
 
Join Date: Feb 2015
Location: Back in the green
Posts: 918
2,4 mil € per 9 mesi scarsi di lavoro 😀🍺🍺🍺
Posso fare l AD anch'io?🙏🏻
Ramones is offline  
Old 19th Sep 2015, 14:21
  #1402 (permalink)  
Thread Starter
 
Join Date: May 2012
Location: Rome
Posts: 404
Grazie Raymundo, ma anche qui è diventato impossibile scrivere ti editano in continuazione, credo comunque che abbiano ragione i moderatori, meglio lasciar perdere, va.
EM75 is offline  
Old 19th Sep 2015, 16:13
  #1403 (permalink)  

DOVE
 
Join Date: Oct 2003
Location: Myself
Age: 74
Posts: 1,187
Ben tornato anche da un vecchio brontolone.
Lascia stare i moderatori.
Resta con noi.
Magari ricorri all'Esperanto.
Noi ti capiremo lo stesso.
Romano

P.S.
A Ramones.
E chissà cosa gli farà aggiungere al C.V.?
DOVES is offline  
Old 19th Sep 2015, 17:05
  #1404 (permalink)  
Thread Starter
 
Join Date: May 2012
Location: Rome
Posts: 404
Grazie Doves,

e mentre si parla dell'AD fantoccio che li dentro non ha mai contato nulla così come nulla conta il Presidente per come avevo fatto notare su un Post scritto a gennaio scorso quando vennero attribuiti i poteri, che sono quasi tutti concentrati sul CFO di estrazione Irish, ma ben legato ai fratelli del Golfo da cui proviene, la nostra amata compagnia sta facendo fallire (e ormai questione di giorni) un altro polo di eccellenza italiano, ovvero AMS (Alitalia Maintenance System) già da 2 anni in procedura concorsuale e ormai abbandonata al proprio destino da AZ. Il fallimento è ormai solo una formalità, peccato.... e di più non dico per non farmi editare, ma ci sarebbe davvero molto, molto molto da dire, anzi potrei fare una delle mie profezie: temo che qualcuno dei quartieri alti su questa cosa di AMS tra non molto riceverà qualche sorpresina e quanto meno dovrà spiegare come mai all'interno dell'azionariato di AMS ci fosse un concorrente di nome Bedek che insieme al nostro vettore di bandiera ha contribuito a distruggere un polo tecnologico italiano con ottime risorse umane che oggigiorno si troveranno a infoltire la schiera dell'esercito di cassaintegrati o dei messi in mobilità per colpe evidenti di un management incompetente e figlio delle lobby che da sempre hanno circondato la nostra aerolinea di bandiera. Mandano a casa 300 lavoratori per aver portato gran parte dei motori a Tel Aviv, per non essere riusciti a trovare un posizionamento di mercato serio ad un azienda che malgrado la propria supply chain limitata poteva certamente trovare una propria dimensione imprenditoriale.

E comunque mi iscrivo al Cloeb o CLoub della compagnia aerea a 5 stelle. Passo e chiudo.
EM75 is offline  
Old 19th Sep 2015, 17:12
  #1405 (permalink)  
 
Join Date: Feb 2015
Location: Back in the green
Posts: 918
Originally Posted by DOVES View Post
Ben tornato anche da un vecchio brontolone.
Lascia stare i moderatori.
Resta con noi.
Magari ricorri all'Esperanto.
Noi ti capiremo lo stesso.
Romano

P.S.
A Ramones.
E chissà cosa gli farà aggiungere al C.V.?
@doves
Proviamo a indovinare:
AD della Compagnia di Bandiera dello stato ( allo sfascio) fiorentino-italiano
Cavalier servente del Conte Rosso Duca , dica lei, di Monte e prezzemolo e braccio destro, e sinistro di Sir Hogan da abu dabhi, emerito Cavaliere della tavola quadrata del governicchio con supercazzola con scap....mento destro
Ramones is offline  
Old 20th Sep 2015, 15:22
  #1406 (permalink)  
 
Join Date: Feb 2009
Location: Italy
Posts: 173
Ma com'è che in AZ tutti se ne vanno e schisano (minuscolo) è sempre lì, ma non muore mai?
davidaz68 is offline  
Old 20th Sep 2015, 15:32
  #1407 (permalink)  
 
Join Date: Oct 2007
Location: World
Posts: 489
Caro EM, che ridere se questa volta si ritrovano Bruno, come tu avevi detto anni fa...certo proveniente da diversa realtà industriale, ma sempre lui è.
Inoltre all'interno di Ethiad la situazione non pare, per così dire, propriamente calma e stabile a livello di management e sviluppo industriale...
Ciao e un abbraccio.
Joe
joe falchetto 64 is offline  
Old 20th Sep 2015, 19:56
  #1408 (permalink)  
Thread Starter
 
Join Date: May 2012
Location: Rome
Posts: 404
Caro Joe,
quando ormai qualche anno fa dissi un po urlante ai super manager di Alitalia tutto quello che sarebbe successo tu mi pare che eri presente, purtroppo è successo e sta continuando a succedere.

Certo Bruno il transalpino è certamente uomo rozzo ma preparato, conosce i numeri e sa come farli girare, certamente un gigante rispetto agli Ad di AZ degli ultimi 20 anni. Ha lasciato i cugini transalpini vittima di inutile quanto egocentrica gelosia, lo so perché mio malgrado 1 anno fa ho accettato di mettere a posto un po di cosette ai cugini d'oltre Alpe e lui non ama lavorare con chi magari può competere con Lui su giramenti di numeri, l'uomo ama prevalere ergo si esalta quando incontra gli incompetenti in materia in quanto ha buon gioco, ergo la scelta di Le president di chiamare un Project Manager proprio sui numeri lo inaridì non poco, a tal punto che non ci pensò due volte a dirigersi verso i petrodollari. Adesso è chiaro ed evidente che anche nel golfo giganteggia perché ha buon gioco nel contestare una strategia di crescita folle attuata dal management austroirlandese, dove austro sta per Australia e non Austria. Tale strategia che gli intenditori di economia chiamano IDE, ovvero crescita per acquisizione, nel nostro modello di business è jattura certa, che si declina in torrenziali fallimenti, allo stato evitati solo dalla enorme e illimitata disponibilità del fondo sovrano. Ma è chiaro che il Principe del fondo sta inviperito per gli oltre 8 miliardi di dollari ad oggi investiti in aviation con risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

Ergo situazione ideale per Bruno che in poco tempo vedrai diventerà l'incontrastato numero 1 del Golfo. In AZ certamente verrà un suo adepto ovvero un qualcuno che possa supinamente obbedire ai suoi ordini. So già per conoscenza diretta le sue idee, il fallimento ormai quasi certo di AMS è solo un primo passo verso un altro momento di stratosferica macelleria sociale che a brevissimo sarà messa in atto, con buona pace del nostro governo che credeva di aver trovato l'America nel Golfo e si ritrova invece a contare il continua aumento dell'esercito di CIGS o di messi in mobilità.
Uomini trattati come bestie, professionalità di cui non poche eccellenti sempre più mortificate e così via in uno straordinario festival del rigetto della dignità umana.

Ma la vita è così amico mio, i cosiddetti top manager devono lasciare il cuore a casa la mattina, ma non tutti lo fanno, io ne ricordo 1 che anche tu dovresti ricordare, uno che con un plotone di comandanti ed ingegneri straordinari riuscì a non lasciare per strada centinaia di persone ma a garantire loro gli ammortizzatori sociali in una compagnia in cui l'azionista non c'era più xché mandato a rinfrescasi le idee al fresco e tutto era sequestrato. Ricordo che assistemmo ad un ottimo lavoro di team e ricordo anche come i sindacati italiani si resero parte attiva nella realizzazione di quello straordinario obbiettivo che permise a tanta gente di non rimanere in brache di tela. Ma ripeto è un fatto di cuore, e quel manager con un super contratto già firmato in altro loco come ricorderai rimase li sino a quando anche l'ultimo dei dipendenti non venne assicurato ad un futuro immediato quantomeno sereno. Ricordo anche quanto tu facesti seppur non ne avessi alcun obbligo per aiutare e assecondare quel manager.

Credo che un buon manager di questo settore debba necessariamente aver studiato a fondo tutti i meccanismi organizzativi ed i processi componenti una airlines e dopo averi studiati occorre tanta esperienza sul campo per renderli efficienti ed efficaci. Il tema poi è che fatto ciò non bisogna mai dimenticare la dignità umana e occorre la mattina non lasciare il cuore a casa. Forse in quei drammatici momenti tutti voi e quel manager avete dimostrato che questo è possibile.
Ecco Bruno da queste belle storie di solidarietà umana è lontano anni luce, ma forse ha ragione Lui.
Un caro saluto
EM75
EM75 is offline  
Old 21st Sep 2015, 17:11
  #1409 (permalink)  

DOVE
 
Join Date: Oct 2003
Location: Myself
Age: 74
Posts: 1,187
Alitalia: summit vertici compagnie Etihad Airways Partners - 21-set-2015 17.46.00

ROMA (MF-DJ)-Gli amministratori delegati delle sei compagnie Etihad Airways Partners si sono incontrati oggi a Roma per individuare e sviluppare iniziative di collaborazione volte alla riduzione dei costi, alla crescita dei ricavi e all'offerta sostenibile di nuove opportunità per i loro clienti.
L'incontro, che e' stato presieduto da James Hogan, presidente e Chief Executive Offlcer di Etihad Airways, ha visto la partecipazione dei leader di Alitalia, Gruppo airberlin, Jet Airways, Air Serbia, Air Seychelles, Etihad Regional, oltre ai management team di Etihad Airways e Alitalia.
L'incontro di oggi segue l'innovativo accordo di finanziamento collettivo concluso la scorsa settimana, attraverso il quale sono stati raccolti 700 milioni di usd sui mercati internazionali che saranno utilizzati da Etihad Airways, Etihad Airport Services, airberlin, Alitalia, Jet Airways, Air Serbia ed Air Seychelles.
"L'industria aerea e' globale, non locale - ha detto Hogan -. Sul mercato globale, le nostre dimensioni sono individualmente piccole. Ma insieme, la nostra e' una partnership che serve 330 destinazioni, vola con una flotta di quasi 700 aerei e trasporta più di 100 milioni di passeggeri ogni anno, rendendoci il settimo più grande raggruppamento di compagnie aeree a livello mondiale. Sfruttiamo il potere d'acquisto, le risorse, le relazioni e l'influenza delle compagnie aeree partner per raggiungere risultati economicamente vantaggiosi ed orientati al cliente".
Le compagnie Etihad Airways Partners lavorano insieme anche per ridurre i costi, migliorare l'efficienza e le opportunità' di scelta per i clienti attraverso misure che altrimenti sarebbero attuabili solo attraverso fusioni o acquisizioni.
Oltre che attraverso accordi di code-sharing e ad attività' commerciali congiunte, le compagnie Etihad Airways Partners collaborano condividendo le risorse, adottando le best practice e realizzando sinergie per l'acquisto di beni, servizi e forniture. Le compagnie partner collaborano alla costante ricerca di nuove sinergie tra loro e alla conclusione di accordi con compagnie esterne o con fornitori.
Oltre all'accordo di finanziamento congiunto della settimana scorsa, le compagnie collaborano per l'approvvigionamento di piattaforme IT, aeromobili, assicurazioni e condividono risorse anche sotto il profilo della formazione di piloti e assistenti di volo. Alcune compagnie hanno attinto alla flotta l'una dell'altra o ricollocato tra loro i velivoli in eccesso.
Le compagnie stanno allineando sempre di più' i propri servizi, in volo e a terra, allo scopo di offrire ai clienti un prodotto omogeneo e di alta qualità su tutte le compagnie Etihad Airways Partners.
Anche i programmi di fidelizzazione sono interconnessi tra le compagnie aeree Etihad Airways Partners. II Gruppo Etihad Airways ha fondato Global Loyalty Company che detiene il programma Etihad Guest ed ha azioni di maggioranza nei programmi topbonus di airberlin, MilleMiglia di Alitalia e Jet Privilege di Jet Airways. Air Serbia, Air Seychelles ed Etihad Regional hanno adottato il programma Etihad Guest, mentre NIKI utilizza topbonus.
Alitalia ed airberlin stanno introducendo lo stesso servizio di Business Class di Etihad Airways, inizialmente su aerei di lungo raggio. Molte altre opportunità' di collaborazione sono allo studio da parte di tutte le compagnie Etihad Airways Partners sia per i servizi passeggeri sia per i servizi cargo.

Se son rose fioriranno.
Babele?
DOVES is offline  
Old 21st Sep 2015, 17:16
  #1410 (permalink)  
 
Join Date: Aug 2010
Location: Worldwide
Posts: 1,462
Se son cachi...
flydive1 is offline  
Old 22nd Sep 2015, 08:25
  #1411 (permalink)  

DOVE
 
Join Date: Oct 2003
Location: Myself
Age: 74
Posts: 1,187
Talking

MILANO (MF-DJ) - Da presidente-reggente a presidente operativo, affiancato da un amministratore delegato con un profilo prettamente tecnico. Sarebbe questa la futura governance che Luca Montezemolo e gli azionisti avrebbero in mente per Alitalia, rimasta senza capo-azienda dopo l'uscita dell'amministratore delegato Silvano Cassano.
Il profilo del nuovo manager, scrive MF, calza a pennello a Bruno Matheu, ex Air France-Klm promosso a dicembre 2014 chief operatmg officer degli equity partners di Etihad. Matheu, in altre parole, e' il manager che si occupa di far volare insieme la compagnia emiratina e i vettori partecipati, e ha una conoscenza diretta di Alitalia perché nel 2009, quando Air France-Klm aveva il 25% del vettore, era entrato nel cda.

Caro EM75
Mi mandi un PM con le azioni che vedi nella tua palla di vetro, che saliranno domani?

Last edited by DOVES; 22nd Sep 2015 at 08:47.
DOVES is offline  
Old 23rd Sep 2015, 15:11
  #1412 (permalink)  
 
Join Date: Oct 2007
Location: World
Posts: 489
Caro Romano,

il nostro EM75 (per me "il Presidente") ha veramente a volte la palla di cristallo. Io l'ho veramente visto urlare in faccia a qualcuno del management di AZ della prossima venuta di Bruno, e questo accadde anni fa, in epoca non sospetta. La storia ha sempre il brutto vizio di insegnare la vita, e a volte si ripete. Io l'ho visto operare in condizioni impossibili, mandando avanti ua impresa mentre aveva l'azionista di riferimento impossibilitato e con le risorse bloccate...e sai una cosa? A momenti sarebbe anche riuscito a fare il miracolo se non si fosse dovuto fermare di fronte a adempimenti di tipo burocratico per i quali era necessario l'intervento dell'azionista, impossibilitato dalla legge. Io l'ho visto lavorare in team con equipaggi che non si sono risparmiati per salvare una azienda della quale posso solo parlare bene, per come trattava i suoi dipendenti, ben al di sopra degli "standard" ai quali siamo poi stati abituati. Una azienda piccola ma nella quale i Comandanti (con la C maiuscola) erano il motore di equipaggi motivati e nella quale si lavorava con passione ed allegria. EM ha solo avuto sfortuna ma ha avuto l'integerrima coerenza di restare al suo posto e di realizzare un piccolo miracolo, per fare in modo che tutto il personale potesse in qualche modo avere un mezzo di sostentamento. Come si saluta il comandante che non abbandona la nave, altro che Schettini vari, io mi levo il mio berretto con fronde di alloro e ali dorate di fronte a lui.
Detto questo, mi viene il magone a guardare lo stato della Aviazione Civile inuno dei Paesi che l'hanno inventata....compagnie aeree distrutte, un mercato in mano ai vettori stranieri, un ente regolatore prigioniero di sterile ed inefficiente burocrazia, una compagnia aerea di interesse nazionale che distrugge valore da anni....
Mi viene il magone, ma vi guardo da distante, ed assaporo il piacere di volare su velivoli con 30 ore di volo dalla consegna, mentre cerco di godermi i miei 90 giorni di vacanza all'anno unta ai 10 riposi al mese...
Ritornerei solo se EM ritornasse a fare quello che so lui sa fare, e solo con lui.
Un saluto.
Joe.
joe falchetto 64 is offline  
Old 23rd Sep 2015, 21:34
  #1413 (permalink)  
 
Join Date: Aug 2006
Location: italy
Posts: 64
Re

Leggendo le varie risposte dispiace molto da italiano intravedere tra le righe un certo livore misto spocchia nei confronti della compagnia di bandiera e soprattutto dei suoi dipendenti che hanno la grande colpa di lavorarci . Dispiace ancora di più sapere che chi sparge invettive , consigli , soluzioni , in realtà ha un passato magari da sindacalista di un certo livello ( e quindi responsabile come tanti dello sfacelo attuale ) , o magari scoprire che qualcuno ha un passato non proprio lìmpido come dirigente in più di un'azienda nostrana e che tra tante cose giuste sparate nel mucchio , ci ha regalato più di una minchiata venduta come oro colato .
Buonanotte a tutti ,magari con un po' più di umiltà che ci farebbe tanto comodo .
blu113 is offline  
Old 24th Sep 2015, 08:40
  #1414 (permalink)  

DOVE
 
Join Date: Oct 2003
Location: Myself
Age: 74
Posts: 1,187
E' un primo passo

Alitalia: seleziona 24 giovani per progetto Cadet Pilot - 23-set-2015 18.43.00

ROMA (MF-DJ)—Ventiquattro giovani, di età compresa tra i 18 e i 27 anni, sono stati selezionati da Alitalia per partecipare al progetto Cadet Pilot promosso insieme con Etihad Airways.
Riprende così l'attività', dopo oltre 10 anni di sospensione, la Scuola Piloti di Alitalia, che nei suoi 60 anni di storia ha formato migliaia di piloti italiani. I primi 8 cadetti sono partiti la scorsa settimana per gli Emirati Arabi Uniti, dove hanno iniziato a svolgere la prima parte del corso professionale. Insieme a loro c'è il comandante Giuseppe Borgna. responsabile Cadet Pilot, che ha curato tutta la fase esecutiva e didattica del progetto. L'avvio dei corsi e' scaglionato nelle prossime settimane ed entro la fine del 2015.
Sono state oltre 550 le candidature pervenute per il corso piloti che avrà' una durata di due anni e si svolgerà' presso i centri di addestramento in Italia e negli Emirati Arabi Uniti delle due compagnie. I partecipanti che completeranno con successo il corso e acquisito i brevetti previsti verranno assunti come piloti di CityLiner, la compagnia regionale di Alitalia che possiede una flotta di 20 aerei (5 Embraer 190 e 15 Embraer 175). I neoassunti si impegneranno a volare per Alitalia per un periodo minimo di 36 mesi.
Luca Corderò di Montezemolo. presidente di Alitalia, ha dichiarato: "Oggi e' un giorno importante per Alitalia e per l'aviazione civile italiana i cui meriti formativi nell'addestramento di piloti di aviazione sono riconosciuti in tutto il mondo. La formazione e l'investimento sui giovani e' un impegno che abbiamo condiviso con Etihad Airways fin dal primo giorno e che si aggiunge alla partnership azionaria e commerciale".
James Hogan, presidente e amministratore delegato di Etihad Airways, ha dichiarato: "con la partecipazione di questi giovani al più' qualificato corso di formazione in Italia e negli Emirati Arabi Uniti, nelle nostre strutture di eccellenza mondiale, ci garantiamo per l'avvenire l'ingresso di nuovi piloti altamente qualificati".

COME AI MIEI TEMPI!!??

"Forza ragazzi!"

Romano
DOVES is offline  
Old 24th Sep 2015, 08:54
  #1415 (permalink)  
 
Join Date: Oct 2007
Location: World
Posts: 489
@ Doves: proprio come ai tuoi tempi, ed ai miei del resto, forse no: questi pagano profumatamente. C'è però da dire che, visto l'attuale andamento del mercato del lavoro, le proiezioni e la situazione demografica all'interno di AZ, per chi se lo può permettere mi pare una scelta vincente.
joe falchetto 64 is offline  
Old 24th Sep 2015, 09:24
  #1416 (permalink)  
 
Join Date: Oct 2007
Location: World
Posts: 489
@ blu113: ecco, mi rendo conto che ogni qual volta si critica si diventa "politically incorrect". Non vale però la pena di "buttarla in caciara" per cui non mi sottraggo certo. Parto dal tema generale per poi arrivare al personale.
Il fatto che la compagnia che trasporti il maggior numero di passeggeri nel mercato italiano sia con licenza di operatore e COA di marca irlandese non è una mia opinione ma una pubblica statistica; il fatto che delle compagnie private operanti nel 2008 ne sia rimasta solo una (NEOS) non sottoposta ad alcun tipo di procedura per crisi aziendale non lo dico io ma la normale cronaca finanziaria (al netto di Mistral che non è mai entrata in crisi ma è stata oggetto di rilievo dalla Corte dei Conti per i trasferimenti ricevuti dalsuo zionista Poste, concessionario di Stato monopolista per il servizio universale); Il fatto che adesso AZ impieghi più di 100 velivoli in meno rispetto alle dimensioni aggregate di AZ ed AP nel 2008 non lo dico io bensì l'ultima pagina della rivista "Ulisse"; il fatto che le AZ ed AP dessero impiegho a circa 2300 naviganti ed adesso a circa 1500 non lo dico io ma le liste di anzianià delle due aziende; il fatto che AZ goda da vari anni di vari strumenti di sostegno alla occupazione a spese del contribuente non lo dico io ma il Ministero del Lavoro, l'INPS, il FSTA e il Fondo Volo; il fatto che un notevole numero di Primi Ufficiali di AZ, oramai alla soglia dei 50 anni, splendidi professionisti, abbia davanti la prospettiva di una pensione ben misera perchè mai hanno potuto accedere alle soddisfazioni professionali ed economiche del comando non lo dico io ma sempre l'ultima lista di anzianità AZ; il fatto che AZ sia passata in 8 anni tra due fallimenti mascherati non lo dico io ma sempre le stesse aziende protagoniste; il fatto che ad oggi il prodotto aziendale sia percepito dal pubblico ancora come di qualità mediocre non lo dico io ma le statistiche mondiali e lo stesso Presidente di AZ nell'ultima lettera ai dipendenti.
Caro Blu113, mi sa che non hai compreso bene: quando si parla di aziende non si parla dei loro dipendenti se non come complessivo dei fattori produttivi; non esiste "livore misto spocchia" e te lo dimostro con un semplice argomento, che hai trascurato e dimostra la tua scarsa esperienza del mondo professionale al di fuori evidentemente del tuo recinto. Io sono il più strenuo fautore e tifoso di una forte ripresa e sviluppo di AZ, sono uno di coloro che sarebbero più felici dell'arrivo di 15 B787, e sai perchè? Perchè così i tanti che AZ molla a casa smetterebbero di venire a cercare lavoro dove sono, permettendomi di spuntare condizioni migliori nei confronti della mia azienda. I piloti in giro per il mondo basano la loro aspettativa retributiva fondamentalmente sulla scarsità di risorse umane da assumere, ed è ovvio che una ripresa del mercato in Italia mi porterebbe solo vantaggi. Ciò detto, credo che si possano sempre esprimere le proprie opinioni, no?
Passiamo ora al personale: ho svolto attività sindacale di rappresentanza dal 2003 al 2008; dal 2008 al 2013 ho svolto per il campo sindacale una attività di studio e ricerca nel campo del "welfare" e del lavoro, e sono stato membro di un paio di organismi tecnici in INPS; dal 2013 ho lasciato tutto. Scusa, puoi esplicitare meglio di cosa potrei essere responsabile, atteso che nel caso lo potrei essere sino al 2008, data oltre la quale non ho rappresentato piu nessuno se non me stesso? Di certo non ho mai preso rsorse che non mi appatenevano, certo non come alcuni fortunati primi ufficiali attuali di AZ, sindacalisti di primo livello, che portano a casa buste paga da oltre 7000 euro al mese grazie ai grassi permessi sindacali odierni. Se ti va e a seguito di una pingue scommessa posso sempre postare le mie buste paga dal 2003 al 2008 incluso: ci sarebbe da divertirsi.
Io non mi sento di dover essere nè umile nè presuntuoso poichè sono un professionista in attività e quindi cerco casomai di essere razionale e non emotivo: tu però potresti regalarci qualche tuo diverso ed argomentato punto di vista.
Happy Landings.
joe falchetto 64 is offline  
Old 24th Sep 2015, 10:12
  #1417 (permalink)  
 
Join Date: Jun 2004
Location: Just Around The Corner
Posts: 1,249
"..per l'aviazione civile italiana i cui meriti formativi nell'addestramento di piloti di aviazione sono riconosciuti in tutto il mondo.."

Gia' peccato che da addestrare in italia non ci sia piu' nessuno , e soprattutto da collocare poi in compagnie italiane . Forse , quando parlava di collocazione nel mondo , si riferiva alla fuga di personale qualificato di ogni livello in tutto il globo terrestre .

Nick 1
Nick 1 is offline  
Old 24th Sep 2015, 15:10
  #1418 (permalink)  
 
Join Date: Feb 2015
Location: Back in the green
Posts: 918
Originally Posted by blu113 View Post
Leggendo le varie risposte dispiace molto da italiano intravedere tra le righe un certo livore misto spocchia nei confronti della compagnia di bandiera e soprattutto dei suoi dipendenti che hanno la grande colpa di lavorarci . Dispiace ancora di più sapere che chi sparge invettive , consigli , soluzioni , in realtà ha un passato magari da sindacalista di un certo livello ( e quindi responsabile come tanti dello sfacelo attuale ) , o magari scoprire che qualcuno ha un passato non proprio lìmpido come dirigente in più di un'azienda nostrana e che tra tante cose giuste sparate nel mucchio , ci ha regalato più di una minchiata venduta come oro colato .
Buonanotte a tutti ,magari con un po' più di umiltà che ci farebbe tanto comodo .
") , o magari scoprire che qualcuno ha un passato non proprio lìmpido come dirigente in più di un'azienda nostrana e che tra tante cose giuste sparate nel mucchio , ci ha regalato più di una minchiata venduta come oro colato .
Buonanotte a tutti ,magari con un po' più di umiltà che ci farebbe tanto comodo ."
Purtroppo me la ricordo anche io una altra situazione similare, con Crew pagati 150€ , si 150, in missione fuori casa che con mezzi propri, e di più non voglio ricordare .
Per favore vi prego , meglio dimenticare e andare avanti ma non vendetemi per messia o geni nessuno di questi
Ramones is offline  
Old 24th Sep 2015, 18:08
  #1419 (permalink)  
 
Join Date: Aug 2006
Location: italy
Posts: 64
Caro joe nel mio post non mi sembrava di averti nominato , ma vedo che ti sei sentito chiamato in causa . Detto questo non eccepisco i tuoi contenuti , che anzi trovo corretti , ma il tono . Quanto alla responsabilità chiunque abbia svolto attività sindacale un po' ci colpa ce l'ha , altrimenti non saremmo arrivati a questo punto e non vado oltre. Riguardo alle perle sul futuro di Alitalia non sono certo tue e quando dico perle mi riferisco al fatto che az sarebbe dovuta andare in AF , o ad altre perle che lascio a chi come te è come me conosce il dispensatore di verità .
A presto e buon lavoro che so che farai bene perché ti conosco come un bravo professionista oltre che come un bravo sindacalista .
A presto

Originally Posted by joe falchetto 64 View Post
@ blu113: ecco, mi rendo conto che ogni qual volta si critica si diventa "politically incorrect". Non vale però la pena di "buttarla in caciara" per cui non mi sottraggo certo. Parto dal tema generale per poi arrivare al personale.
Il fatto che la compagnia che trasporti il maggior numero di passeggeri nel mercato italiano sia con licenza di operatore e COA di marca irlandese non è una mia opinione ma una pubblica statistica; il fatto che delle compagnie private operanti nel 2008 ne sia rimasta solo una (NEOS) non sottoposta ad alcun tipo di procedura per crisi aziendale non lo dico io ma la normale cronaca finanziaria (al netto di Mistral che non è mai entrata in crisi ma è stata oggetto di rilievo dalla Corte dei Conti per i trasferimenti ricevuti dalsuo zionista Poste, concessionario di Stato monopolista per il servizio universale); Il fatto che adesso AZ impieghi più di 100 velivoli in meno rispetto alle dimensioni aggregate di AZ ed AP nel 2008 non lo dico io bensì l'ultima pagina della rivista "Ulisse"; il fatto che le AZ ed AP dessero impiegho a circa 2300 naviganti ed adesso a circa 1500 non lo dico io ma le liste di anzianià delle due aziende; il fatto che AZ goda da vari anni di vari strumenti di sostegno alla occupazione a spese del contribuente non lo dico io ma il Ministero del Lavoro, l'INPS, il FSTA e il Fondo Volo; il fatto che un notevole numero di Primi Ufficiali di AZ, oramai alla soglia dei 50 anni, splendidi professionisti, abbia davanti la prospettiva di una pensione ben misera perchè mai hanno potuto accedere alle soddisfazioni professionali ed economiche del comando non lo dico io ma sempre l'ultima lista di anzianità AZ; il fatto che AZ sia passata in 8 anni tra due fallimenti mascherati non lo dico io ma sempre le stesse aziende protagoniste; il fatto che ad oggi il prodotto aziendale sia percepito dal pubblico ancora come di qualità mediocre non lo dico io ma le statistiche mondiali e lo stesso Presidente di AZ nell'ultima lettera ai dipendenti.
Caro Blu113, mi sa che non hai compreso bene: quando si parla di aziende non si parla dei loro dipendenti se non come complessivo dei fattori produttivi; non esiste "livore misto spocchia" e te lo dimostro con un semplice argomento, che hai trascurato e dimostra la tua scarsa esperienza del mondo professionale al di fuori evidentemente del tuo recinto. Io sono il più strenuo fautore e tifoso di una forte ripresa e sviluppo di AZ, sono uno di coloro che sarebbero più felici dell'arrivo di 15 B787, e sai perchè? Perchè così i tanti che AZ molla a casa smetterebbero di venire a cercare lavoro dove sono, permettendomi di spuntare condizioni migliori nei confronti della mia azienda. I piloti in giro per il mondo basano la loro aspettativa retributiva fondamentalmente sulla scarsità di risorse umane da assumere, ed è ovvio che una ripresa del mercato in Italia mi porterebbe solo vantaggi. Ciò detto, credo che si possano sempre esprimere le proprie opinioni, no?
Passiamo ora al personale: ho svolto attività sindacale di rappresentanza dal 2003 al 2008; dal 2008 al 2013 ho svolto per il campo sindacale una attività di studio e ricerca nel campo del "welfare" e del lavoro, e sono stato membro di un paio di organismi tecnici in INPS; dal 2013 ho lasciato tutto. Scusa, puoi esplicitare meglio di cosa potrei essere responsabile, atteso che nel caso lo potrei essere sino al 2008, data oltre la quale non ho rappresentato piu nessuno se non me stesso? Di certo non ho mai preso rsorse che non mi appatenevano, certo non come alcuni fortunati primi ufficiali attuali di AZ, sindacalisti di primo livello, che portano a casa buste paga da oltre 7000 euro al mese grazie ai grassi permessi sindacali odierni. Se ti va e a seguito di una pingue scommessa posso sempre postare le mie buste paga dal 2003 al 2008 incluso: ci sarebbe da divertirsi.
Io non mi sento di dover essere nè umile nè presuntuoso poichè sono un professionista in attività e quindi cerco casomai di essere razionale e non emotivo: tu però potresti regalarci qualche tuo diverso ed argomentato punto di vista.
Happy Landings.
blu113 is offline  
Old 25th Sep 2015, 18:01
  #1420 (permalink)  
 
Join Date: Oct 2014
Location: Harlow
Posts: 13
Tutto in Abu Dhabi

dal 2016 tutte le screenings della madre Etihad Abu Dhabi: Alitalia, Etihad, Airberlin.

Ciao,
m.
michvito is offline  

Thread Tools
Search this Thread

Contact Us - Archive - Advertising - Cookie Policy - Privacy Statement - Terms of Service - Do Not Sell My Personal Information -

Copyright © 2021 MH Sub I, LLC dba Internet Brands. All rights reserved. Use of this site indicates your consent to the Terms of Use.