Go Back  PPRuNe Forums > PPRuNe Worldwide > Italian Forum
Reload this Page >

Consigli su come diventare piloti

Consigli su come diventare piloti

Old 25th Feb 2018, 17:47
  #21 (permalink)  
 
Join Date: Oct 2014
Location: X
Posts: 42
Originally Posted by furbpilot View Post
Ah sì la BAA quella che fa pubblicità tipo supermercato ...che offriva 737 e 320..two type ratings is better than one...roba seria..ahahahah. Ah Wizzair FO 1600 euro al mese...proprio figata di lavoro. Che fessi.
Prendendo per buono che il FO tipico di wizzair prenda 1600(e non è cosi,sono stato ad un loro open day),ti faccio notare solo che 1600 euro nelle basi che hanno loro sono molto ma molto diversi dai 1600 euro di una base italiana ,francese ,inglese o tedesca
FightFireWithFire is offline  
Old 26th Feb 2018, 12:08
  #22 (permalink)  
 
Join Date: Sep 2006
Location: Required field missing
Posts: 552
2000 da pilota non sono 2000 da ingegnere, mettetevelo in testa. Avrete 2 mutui (addestramento base e type), 2 case in affitto, 2 macchine, e per alcuni due donne (o due uomini). Di singolo avrete invece una idoneità medica. Io non spingo né contro né a favore, ognuno trovi la sua strada che per molti sarà giustamente quella del pilota. Siccome però sto aspettando che si cucini il pesce in forno, vi lascio un input, controcorrente, su sta storia della passione, cioè leggete Seneca e poi, siccome non sono mica scemo e so che nessuno lo farà, vi lascio allora un link che mi è spuntato per caso (per caso una fava, sono gli algoritmi di google, sta gente sa fare il proprio lavoro) su youtube. Non la prende dallo stesso lato la questione, che infatti è trattata in maniera abbastanza burina in stile moderno, ma è ugualmente qualcosa da soppesare e che va in una direzione per certi versi simile, se si è di mente aperta
E ora scusate che se no brucio tutto
TheWrightBrother&Son is offline  
Old 2nd Mar 2018, 13:04
  #23 (permalink)  
 
Join Date: Feb 2017
Location: Toronto
Posts: 18
Slave,

per quanto riguarda BAA Training, sono entrato come Cadet Program con una compagnia aerea Lithuana. Offre servizi di dry and wet leasing , è attualmente la più grande al mondo che offre questo tipo di servizio. Se una compagnia aerea ha bisogno di un aereo perché non ha dove mettere i passeggeri, questa compagnia offre il servizio completo di piloti e cabin crew per quella compagnia compreso di assicurazione e manutenzione. Per quanto riguarda la pubblicità che può sembrare "bizzarra" non è altro che una semplice pubblicità dei servizi che offrono. Se non pubblicizzano come fa la gente a conoscere il loro business? semplicemente offrono 2 type al prezzo di uno, tutto quà. Si vede che lo possono fare, i costi in questa zona d'europa sono tutti dimezzati, dal ristorante, supermercato, divertimenti vari, si risparmia. Non vedo cosa c'è di strano. Sempre meglio di andare alla FTE, CAE L3 company. Alla BAA Il corso ATPL Integrato è abbastanza strutturato bene. Abbiamo un istruttore che è da invidiare a scuola. Spiega le cose molto bene.

I Cadet Program ci sono perchè c'è bisogno di piloti. Fra pochi anni raggiunto il numero, si ritornerà come eravamo nel 2010, crisi totale. Che dura 7 anni circa.

Buona serata.
Vinny91 is offline  
Old 2nd Mar 2018, 13:42
  #24 (permalink)  
 
Join Date: Oct 2014
Location: X
Posts: 42
Sempre meglio di andare alla FTE, CAE L3 company.
E per quale motivo,escludendo il prezzo?
FightFireWithFire is offline  
Old 4th Mar 2018, 12:30
  #25 (permalink)  
 
Join Date: Jul 2012
Location: Up side down
Posts: 91
Originally Posted by Raski View Post
Attenzione.
I cadet programs son quelli dove la compagnia (BA, CX, LH, AF per nominarne qualcuna a caso) si prende carico dei costi relativi alla formazione per poi recuperarli gradualmente durante gli anni una volta il neo pilota entra in linea.
Si chiama cadetship e a monte vi e’ un accurata e scrupolosa selezione degli aspiranti cadet, i corsi costano.

Quello di cui parli tu si chiama in gergo P2F. L’unica “selezione” e’ il check del libretto degli assegni.

Lo dico senza polemica, solo per puntualizzare.

Per quanto riguarda la stima sul numero di piloti necessari e successiva crisi potresti essere piu’ preciso?

Saluti

Esattamente...questi si chiamano “ fammi vede er portafoglio program “ gestiti da societa est europee con pochi scrupoli che approfittano dei buchi normativi EU
Avendo avuto modo di constatare il livello medio dei soggetti in questione ( troppo spesso ragazzetti coi soldi de papà e menti non brillantissime ) è considerando che nonostante frequenti evidenti lacune nei basici requisiti psicomotori questi arrivano al corso comando con ore minime prevedo una severa riduzione degli indici di sicurezza del volo nei prossimi 2/5 anni. Ai posteri ...

Last edited by STEXUP; 4th Mar 2018 at 12:55.
STEXUP is offline  
Old 4th Mar 2018, 12:58
  #26 (permalink)  
 
Join Date: Jul 2012
Location: Up side down
Posts: 91
Trovato un simpatico articolo sul su menzionato personaggio proprietario di Avia Solution Group proprietaria di BAA academy..che qua sopra ha un bel banner che offre il type rating sul 320 ad un prezzo “ de-iced “ . Questo personaggio andrebbe preso a calci nei coglioni.

“But this isn’t the happy ending you would think it is, argues Gediminas Ziemelis who heads Avia Solutions Group, one of the largest pilot training centres in Eastern Europe. Ziemelis argues pilots already have too much control and their greed for ever increasing salaries is putting an undue strain on airline’s trying to survive in today’s ultra-competitive landscape.

Gediminas Ziemelis, Chairman of the Board at Avia Solutions Group thinks a cadre of around 350 substitute pilots could be trained to break any potential flight crew strike.
Gediminas Ziemelis, Chairman of the Board at Avia Solutions Group thinks a cadre of around 350 substitute pilots could be trained to break any potential flight crew strike.
Ziemelis points the finger of blame at powerful pilot unions – both local and international who can afford expensive legal actions against airlines. It’s a self-fulfilling prophecy, with pilots already earning a high wage, able to contribute more in membership fee’s and in turn getting better representation at the negotiating table.


A case in point, Ziemelis notes is a six-day strike led by pilots at Lufthansa last year – the 15th such strike in little more than two years as a result of a bitter pay dispute. The cost to the airline is estimated at around €100 million.

Yet, this is a seller’s market. There’s a worldwide shortage of pilots so surely costs are driven up? Just look at Ryanair who by many accounts are facing an exodus of flight crew to low-cost rival, Norwegian – simply because they’re willing to pay more.

But Ziemelis argues it doesn’t have to be like this at all.

“One of the possible options – substitute pilots, who could get their training financed by airlines and then, in time of need, step in to replace their colleagues on strikes, save airlines millions of dollars and, most importantly, serve the needs of no longer frustrated passengers,” he says.

Rather than being a shortage of pilots, Ziemelis believes there are plenty of pilots in less well-off countries who would be more than capable of doing the job – at half the price. The only stumbling block is the ability to finance the expensive training.


Avia Solutions Group believes a group of between 350-500 trained substitute pilots could effectively prevent pilots from crippling an airline through strike action. Ziemelis explains: “It is simple math, really. In order to train the aforementioned number of substitute pilots, an airline would have to spend approx. €40 to 60 million ($ 50 to 70 million).”

Off course, it sounds like a nice idea for particularly aggressive airline’s but how well the plan would work in practice is not quite as clear-cut. The uproar amongst pilot groups if an airline tried to find this cadre of ‘substitute pilots’ would be a major issue. And then there’s the minefield of legal issues such a plan would dig up.

In the meantime, it looks like the power will remain in the hands of pilots. And for now, at least, airline’s will simply have to pay up.”
STEXUP is offline  
Old 4th Mar 2018, 13:08
  #27 (permalink)  
 
Join Date: Jul 2012
Location: Up side down
Posts: 91
E per concludere il mio personale contributo ...per quelli che pensano che dopo essersi pagati type e 200 ore di essere diventati dei fenomeni e che questo lavoro sia una “ figata”...questa è la cruda realtà ..oggi.

https://www.smithsonianmag.com/smart...sed-180961475/

Last edited by STEXUP; 5th Mar 2018 at 12:04.
STEXUP is offline  

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Trackbacks are Off
Pingbacks are Off
Refbacks are Off


Thread Tools
Search this Thread

Contact Us - Archive - Advertising - Cookie Policy - Privacy Statement - Terms of Service - Do Not Sell My Personal Information -

Copyright © 2021 MH Sub I, LLC dba Internet Brands. All rights reserved. Use of this site indicates your consent to the Terms of Use.